iissVOLTA

YOLK è una start up che ha creato Solar Paper, una batteria ricaricabile da energia solare molto sottile e leggerissima.

Slideshow Image

Gli accumulatori di energia, detti anche batterie o pile, sono presenti in molti degli apparati alimentati ad energia elettrica che ci circondano e rendono la nostra vita di tutti i giorni un po' migliore. Autonomia, tempo di ricarica, peso e dimensioni sono i fattori critici per lo sviluppo in applicazioni quali i dispositivi portatili come smartphone, tablet e computer portatili. L'evoluzione degli accumulatori sarà particolarmente importante per la diffusione dell'auto elettrica. Segui tutto questo su iissvolta.it, il portale nominato in onore dell'inventore della batteria, il fisico genovese Alessandro Volta. Buona lettura!

Il caricabatteria ad energia solare più leggero al mondo

. Quando non si è in casa, e non si ha dunque la possibilità di collegare il telefonino alla rete elettrica, o al computer fisso, questo può diventare un vero problema, con il rischio che il telefono ci abbandoni proprio nel momento in cui abbiamo maggiormente bisogno di utilizzarlo. La soluzione più semplice che è stata trovata finora (in attesa che vengano messe a punto delle batterie ricaricabili maggiormente performanti) consiste nelle cosiddette power banks. Le power banks non sono altro che delle “batterie di riserva”: una volta caricate possono essere collegate al telefonino o al tablet consentendo loro ulteriore autonomia. Anche le power banks finiscono però per scaricarsi, e in assenza di energia elettrica non è possibile ricaricarle. Un’altra soluzione che i ricercatori hanno messo a punto è costituita dai pannelli fotovoltaici, i quali consentono di trasformare la luce del sole in energia. In questo caso dunque non è necessario collegarsi alla rete elettrica, perché l’energia viene attinta direttamente dall’astro diurno. L’ultimissima novità in tal senso è rappresentata da Solar Paper, che è stata presentata come la batteria solare più piccola e leggera che esista. Solar Paper è stata creata da una piccola startup, YOLK, che ha trovato i fondi necessari per la sua messa a punto grazie ad un crowdfunding portato avanti su Kickstarter. La Solar Paper ha vinto l’Innovation Award al CES (Consumer Electronics Show) di Las Vegas del 2017. Questa batteria solare è formata da fogli sottilissimi, che pesano ognuno appena 120 grammi, e che hanno uno spessore di 1,5 mm. Le dimensioni del pannello invece sono di centimetri 19 per 9. I pannelli sono assolutamente resistenti all’acqua, e sono disponibili in commercio in diversi modelli, di diversa potenza e ovviamente di diverso prezzo. C’è il Solar Paper da 2,5 Watt che costa 60 dollari, mentre quello da 5 ne costa 135. Il Solar Paper da 7,5 Watt costa 185 dollari; quello da 10 235 e quello da 15 335. Da ultimo è in commercio il “Green couple pack”, che è formato da due Solar Paper da 10 Watt, che costa 400 dollari. Un altro aspetto interessante del Solar Paper è che ogni modulo della batteria può essere collegato ad altri moduli, grazie a dei contatti magnetici che si trovano lateralmente, aumentandone quindi la potenza. Inoltre ogni foglio è dotato di un piccolo display a led che indica la carica raggiunta. Questo dispositivo è in grado di ricaricare completamente un iPhone in solo due ore e 30 minuti; ovviamente condizioni climatiche permettendo. Grazie alla presa USB presente sul dispositivo, il Solar Paper può essere usato per ricaricare non solo lo smartphone, ma anche tablet, ricetrasmittenti, console portatili per videogiocare, torce. Si può comodamente ripiegare su se stesso, quando è formato da più moduli, e occupa di conseguenza pochissimo spazio, molto meno rispetto ad una tradizionale power bank. Nel video dimostrativo diffuso su YouTube dalla YOLK si mostra come i pannelli di Solar Paper possano essere fissati, ad esempio, sul retro di uno zainetto per ricaricare i propri dispositivi (ad esempio la macchina fotografica digitale) mentre si cammina. Solar Paper è un dispositivo che di certo aprirà sempre più la strada alla diffusione del fotovoltaico anche nel settore dei piccoli dispositivi ricaricabili.